Via Padova, a che punto siamo con la rivoluzione?

Più o meno un anno fa, fummo tra i primi a parlare dell’imminente riqualificazione di via Padova a Milano, con i lavori che presero il via il 19 aprile 2021, con il cantiere all’angolo con via Anacreonte. Secondo le stime iniziali, il tutto si sarebbe dovuto concludere a giugno 2022, in modo da far rinascere i due chilometri di via Padova, tra via Arici e via Giacosa. In tutto, l’investimento complessivo che fa capo al comune di Milano è di 3 milioni di euro, di cui la metà coperto dalle risorse del Patto per Milano.

Il progetto prevede la creazione di aiuole, per un totale di 230 nuovi alberi tra quelli in vaso e quelli piantati, marciapiedi allargati, 8 piccole piazze di quartiere, oltre ad una sempre maggiore attenzione per la sicurezza, con opere effettuate su 22 incroci e il rialzo di 35 attraversamenti pedonale. Il piatto forte del progetto sono i sottopassi del ponte ferroviario, che grazie al Tunnel Boulevard vedranno trasformati i passaggi pedonali in gallerie d’arte.

A che punto siamo con i lavori?

Gli ultimi aggiornamenti danno il progetto della riqualificazione di via Padova in buono stato. All’inizio di dicembre, ad esempio, è stata inaugurata la prima tappa di Tunnel Boulevard, grazie all’artista Pablo Pinxit che, con l’aiuto della direzione artistica di Christian Gangitano, ha installato una galleria di poster art, con temi che spaziano dalle culture al sociale, dalle arti all’ambiente. In tutto, verranno riqualificati altri 4 sottopassi ferroviari.

Adesso è il turno dei parcheggi: ne verranno creati in tutto tre, di cui uno all’incrocio tra via Padova e via Ancreonte, uno in via Esterle e il terzo in via Cambini; queste ultime due direttrici diventeranno a senso unico, e verrà incrementata la quota di verde.

La riqualificazione di via Padova poi proseguirà con il rifacimento dei marciapiedi e le nuove aree verdi. Siamo in definitiva sulla tabella di marcia, non ci resta che attendere e scoprire come si animerà il nuovo quartiere. Di sicuro possiamo dire che le numerose attività commerciali, i bar e i ristoranti ne beneficeranno notevolmente. A proposito, lungo via Padova ci sono alcuni dei nomi più forti della gastronomia milanese, dalla Salumeria del Design al Goha Kebab, uno dei primi kebabbari di Milano, passando per la famosa Pizzeria Partenopea, che con le sue atmosfere e i suoi odori riporta gli ospiti nei rumorosi vicoli di Napoli.

Via Padova cosa vedere e cosa fare

E’ opinione comune che via Padova sia pericolosa, ma siamo quasi certi che, dopo l’imponente riqualificazione, il quartiere tornerà a nuova vita. Già oggi, cantieri a parte, la zona è una delle più vivaci e attive di Milano. Inoltre, ci sono diverse cose da fare e da vedere in zona, e pertanto non perdete l’occasione di fare un giro da quelle parti una volta terminati i lavori!

Ad esempio, potrete sfruttare via Padova per accedere al parco Trotter, uno storico parco di Milano e polmone verde della città. Poco distante troverete la bella ed elegante via Bassano del Grappa, non famosa come si meriterebbe, con tante case colorate che in qualche modo ricordano le loro controparti inglesi.

Se poi anche voi non vedete l’ora che il progetto Tunnel Boulevard arrivi al completamento, spostatevi in via Pontano, che collega via Padova a viale Monza. La strada è infatti famosa per i graffiti a ridosso dei binari, come in una galleria a cielo aperto grazie all’iniziativa Muri liberi, promossa dal comune di Milano e che ha avuto un ottimo successo tra gli street artist cittadini e non solo.

Una volta che transitate in via Padova, non perdetevi il vecchio borgo di Crescenzago, che fino al 1923 era un comune con una propria identità. Oggi potrete ammirare la chiesa romanica di Santa Maria Rossa, e passeggiare lungo via Berra lungo il cui percorso si affacciano splendide case novecentesche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati