La storia d’amore infinita tra il lago di Como e il cinema

Non è certo un mistero che il lago di Como sia uno dei luoghi più affascinanti d’Italia. Da sempre meta di vacanze del jet set internazionale, con molte star di Hollywood (qualcuno ha detto George Clooney?) che l’hanno eletto come luogo per acquistare una seconda residenza, questo idilliaco specchio d’acqua che si allunga tra le montagne della Lombardia è davvero un luogo privilegiato.

E il mondo del cinema non ci ha messo tanto per rendersene conto: sulle sue sponde infatti sono stati girati numerosi film, dopo che tantissimi registi se ne sono letteralmente invaghiti.

I migliori film girati sul lago di Como

Tra i tanti film che hanno il lago come ambientazione, totale o parziale, spiccano ovviamente quelli del blockbuster, come 007 Casinò Royale del 2006, diretto da Martin Campbell, in cui in alcune scene è possibile vedere gli eleganti profili di villa Balbianello a Lenno e villa La Gaeta a San Siro. Un altro pezzo da 90 del cinema di oltreoceano è Guerre Stellari: Episodio II – L’Attacco dei Cloni, girato da George Lucas nel 2002. Anche in questo caso la cornice è quella di villa Balbianello, a cui si è affiancato parco Teresio Olivelli a Tremezzo.

Interessanti anche le scene girate da John Irvin nel 1995, quando diresse Uma Thurman e Vanessa Redgrave nel film Un mese al lago. Le attrici alloggiarono al Grand Hotel Tremezzo, ma alcune scene mettono in risalto anche la bella villa Sola Calbiati a Tremezzina, luogo dove tra l’altro vennero girate alcune scene del film No place of exile, ispirato al compositore Arthur Schnabel, il quale viveva a villa Ginetta, oggi proprietà della famiglia De Santis, che gestisce proprio il Grand Hotel Tremezzo.

Naturalmente, anche molti registi italiani hanno deciso di realizzare alcune scene nella prestigiosa cornice del lago di Como. Tra questi Carlo Lizzani, che nel 1974 girò Mussolini ultimo atto, oppure Dino Risi, che nel 1961 diresse Una vita difficile.

Da ricordare anche il film Il labirinto delle passioni, di Alfred Hitchcock, che nell’ormai lontano 1925 girò alcune scene sull’isola Comacina e sul promontorio del Lavedo a Lenno. Sono passati quasi 100 anni, ma il fascino unico del lago di Como continua ad essere davvero irresistibile.

Lago di Como: icona di stile italiano nel mondo

Quale migliore vetrina per l’Italia se non un ristorante tipico che si affaccia sul lago di Como? Potrebbe essere un’immagine stereotipata, ma se il protagonista è Gualtiero Marchesi, tutto assume un’altro tono. Sul lago sono state girate infatti alcune scene del documentario The Great Italian, ispirate al cuoco che ha reinventato la cucina italiana tradizionale.

Molti infatti non sanno che sulle rive del lago si trova il ristorante Terrazza Gualtiero Marchesi, all’interno del Grand Hotel Tremezzo, che ripropone i migliori piatti dello chef. L’hotel è stato insignito del prestigioso riconoscimento di “migliore hotel d’Italia” da Condè Nast Travellers. L’amministratrice Valentina De Santis commenta il riconoscimento affermando che “nonostante la stagione molto particolare, siamo più che mai orgogliosi di portare in alto nel mondo la bandiera del lago di Como, grazie a professionalità, impegno, sorrisi e tanta passione”.

I VIP e le star di Hollywood sul lago di Como

La storia d’amore tra il grande cinema e il lago di Como non si ferma ai film: sulle sponde del lago infatti sono tanti gli attori e le attrici che si recano in vacanza, alcuni addirittura a cadenza annuale. Escludendo quelli che hanno deciso di comprarci casa, ospiti illustri della zona sono Myley Cyrus, Jennifer Aniston, Adam Sandler e Stanley Tucci.

Ma il padrone di casa da queste parti è George Clooney. La star, che ha acquistato Villa Oleandra a Laglio, è noto per i suoi ricevimenti esclusivi: tra i personaggi di spicco invitati dall’attore si segnala anche l’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama. Il fascino del lago di Como ha contagiato anche i calciatori: a Brienno ha infatti comprato casa Mauro Icardi, assieme alla sua fidanzata Wanda Nara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati