Arrivano le nuove terme di Milano a San Siro

Arrivano le nuove terme a Milano. I residenti del capoluogo lombardo avranno quindi un’alternativa al già bellissimo centro benessere QC Termemilano, ma i responsabili del nuovo progetto, vincitore del bando Reinventing Cities, promettono un ambiente totalmente diverso, in un contesto da favola e – soprattutto – inserito all’interno di un contesto di rigenerazione urbana.

Stando alle carte, infatti, a breve sarà aperto il più grande complesso termale italiano in una grande città, il cui cantiere è allestito presso le ex scuderie De Montel in zona San Siro. Secondo gli addetti ai lavori, saranno queste le “vere” terme di Milano, poichè verranno alimentate da acqua naturale dall’elevato contenuto di solfuri, nella falda della cosiddetta “acqua marcia” che arriva fino a parco Sempione. L’acqua sarà presa a 250 metri di profondità grazie ad un pozzo esistente profondo ben 350 metri, che in seguito verrà riscaldata.

Il progetto ha un nome davvero evocativo: si chiamerà “teatro delle terme” e sarà il primo complesso termale europeo a zero emissioni di CO2. In tutto saranno ben 800 i metri quadri di vasche interne ed esterne, alimentate dall’acqua sulfurea, ma la superficie totale dell’area dedicata al benessere, comprendente anche un parco urbano, sarà di 16200 metri quadri, e comprenderà saune, piscine, aree relax e ben 2400 metri quadri di cortili interni.

Secondo il cronoprogramma dei lavori, tutte le strutture e il parco urbano dovranno essere completate nel 2023, in modo che al massimo all’inizio del 2024 possa essere inaugurato al pubblico.

Il progetto e il cantiere

Le nuove terme di Milano iniziarono la loro avventura nel settembre 2020, in piena pandemia, quando il comune di Milano firmò il contratto preliminare di vendita con la società responsabile del progetto. Il via definitivo ai lavori arrivà a inizio 2021, quando venne firmato il contratto definitivo.

Ma non tutto era risolto, poichè si attendeva il via della Sovrintendenza, dato che l’edificio dove nascerà il complesso termale è una bella palazzina in stile Liberty risalente al 1915, sottoposta a vincolo monumentale. Fortunatamente la burocrazia è stata sistemata in tempi brevi, e il progetto è ufficialmente avviato: pochi mesi dopo iniziò la pulizia dell’area, le bonifiche, la demolizione di parti pericolanti ed infine sono state sgomberate le macerie.

Il cantiere vero e proprio è stato avviato durante l’estate, e attualmente sono in corso i lavori per la realizzazione delle fondamenta.

Le scuderie De Montel

Il nuovo complesso termale di Milano sorgerà all’interno di un edificio elegante e prestigioso, le lussuose (ai tempi) ex scuderie De Montel, nate all’inizio del Novecento in zona San Siro per volere del banchiere Giuseppe De Montel.

Negli anni Trenta del secolo scorso, infatti, San Siro era davvero piena di scuderie e allevamenti di cavalli. Purtroppo con l’avvento del fascismo, De Montel – di origine ebraica – fu costretto a vendere tutto.

Le ex scuderie si trovano proprio accanto allo stadio Meazza, precisamente all’angolo tra via Achille e via Fetonte e oggi, dopo gli anni d’oro di inizio XX secolo, versano in uno stato di totale abbandono e degrado, tanto che spesso sono al centro di casi di cronaca per occupazione abusiva.

Le terme di Milano avranno quindi un duplice obiettivo: se da una parte intendono donare a turisti e residenti uno spazio dove godersi pace, relax e benessere, dall’altro sono al centro dell’ennesimo progetto di riqualificazione urbana che ormai da alcuni anni sta interessando la vita architettonica ed edilizia della città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati