Mercato immobiliare del lusso: vendute 3 dimore milionarie a Milano

Erano sul mercato da diverso tempo, forse a causa della crisi non riuscivano a trovare un acquirente degno di tale nome. Ma i tempi stanno cambiando, e come sempre a Milano lo fanno più velocemente che mai. Ecco perchè tre dimore da sogno sono state vendute nel giro di pochi mesi a prezzi davvero altissimi. Tutte e tre le compravendite sono state gestite da Barbara Magro e dalla sua Luxury Real Estate.

Le case milionarie vendute a Milano sono villa Mondadori in zona Venti Settembre, un attico + superattico in vetro in zona Porta Venezia, e un appartamento nel cuore di Brera.

Le tre ville da sogno vendute a Milano

Villa Mondadori è una storica dimora liberty, che si estende su una superficie di ben 2 mila metri quadri, tra via Venti Settembre e via Tamburini. La villa fu progettata dall’architetto Steno Sioli Legnani alla fine dell’Ottocento, e dispone di 15 camere, 15 bagni, numerosi saloni e persino una zona spa con palestra. E’ stata la casa dei Del Vecchio, proprietari di Luxottica, venduta poi nel 2008 a Nino Martire, magnate della farmaceutica. Adesso è stata venduta nuovamente, per una cifra davvero niente male: 22 milioni di euro.

Il superattico di Porta Venezia è quello in cui ha vissuto Salvatore Ligresti, molto frequentato da politici e capi di Stato: si sviluppa su un’ampiezza di 750 metri quadrati, con 250 metri quadri di terrazze che consentono una visione unica di Milano dall’alto. Il prezzo? 8 milioni di euro.

Infine, l’appartamento in zona Brera si trova in via Cavalieri del Santo Sepolcro, ed è stato usato nientemeno che da Ridley Scott per soggiornarci durante le riprese del film House of Gucci. E’ una dimora da sogno ampia ben 600 metri quadri con giardino privato, ceduta ad un prezzo di 7,5 milioni di euro.

Gli acquirenti

Sugli acquirenti, ovviamente, c’è il massimo riserbo. Tuttavia Barbara Magro, che si è occupata delle trattative, parlando al Corriere della Sera ha spiegato che “il mercato di altissima fascia non è stato intaccato dalla crisi, che come ben sappiamo ha colpito duro soprattutto le fasce medie e meno abbienti della popolazione”. Secondo le stime dell’agente immobiliare, “per ogni immobile di super lusso che arriva sul mercato ci sono almeno 3 candidati che avanzano offerte”.

C’è quindi un’alta domanda, ma una offerta fondamentalmente bassa, poichè chi ha un bene come questo non lo cede volentieri. Ecco quindi spiegato l’aumento vertiginoso dei prezzi.

Volendo tracciare l’identikit degli acquirenti di questo tipo di immobili, si può scommettere sulle storiche famiglie milanesi, che dopo il Covid hanno deciso di tornare a vivere a Milano da città come New York o Londra.

A proposito di Covid, Barbara Magro afferma che durante la pandemia le trattative delle case di lusso hanno rallentato, ma non si sono mai realmente fermate. Ad esempio, per Villa Mondadori la trattativa è iniziata nel 2020, in piena pandemia, ed è terminata più di un anno dopo. Le altre due case di prestigio di cui abbiamo parlato in questo articolo sono state vendute in minor tempo, ma non abbiamo troppi dettagli.

Adesso che tutto è finito, sono accelerate con più vigore che mai, segno quindi che “la fiducia degli investitori su Milano non è mai mancata. Anzi, se possibile è cresciuta”.

Fonte immagine: https://pixabay.com/photos/apartment-window-glass-wall-hallway-185779/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati