Corso Vercelli e Corso Buenos Aires: quando le arterie cittadine diventano shopping village

E’ proprio il caso di dirlo: Milano non si ferma mai. Il capoluogo lombardo, sempre attento ai trend e alle nuove tendenze, ha ormai tracciato il sentiero della riqualificazione urbana, con ampi quartieri completamente destrutturati e riorganizzati, nuovi spazi verdi, e ovviamente abitazioni e uffici. Dove prima sorgevano vecchi capannoni industriali oggi ci sono grattacieli all’ultima moda, dove prima c’erano zone degradate oggi ci sono quartieri in, all’insegna del trendy, dello chic e dell’urban lifestyle.

In tutto questo rinnovamento, Milano è sicuramente l’unica città italiana pronta a competere con le metropoli europee. E in tutta questa fibrillazione, come potevano mancare i quartieri dello shopping, attività – tra l’altro – per cui la città è famosa in tutto il mondo? Come sempre, a Milano le cose o si fanno in grande o non si fanno. Infatti una nuova zona dello shopping non bastava: ne stanno nascendo due.

Sono il Corso Vercelli Village e il Corso Buenos Aires 59. Dopo essere stati svelati nel 2021 e ormai noti ai più, uno è già concluso, l’altro ancora no. Vediamo come stanno andando i lavori.

Corso Vercelli Village

Il Corso Vercelli Village, come lascia trapelare il nome, verrà sviluppato lungo Corso Vercelli. Il suo scopo? Diventare un villaggio urbano in pieno centro, con aree verdi e zone pedonali, e comodamente raggiungibile senza l’auto dato che è servito dalla metropolitana M1, grazie alle tre stazioni di Wagner, Pagano e Conciliazione.

Da sempre Corso Vercelli è una zona storica dello shopping milanese, ma i brutti anni della pandemia hanno tristemente lasciato il segno, con attività costrette a chiudere e una riduzione notevole di visitatori e affari. Incrociamo le dita mentre lo scriviamo, ma l’emergenza sanitaria è alle spalle, e quindi la zona è pronta a ripartire, con un salto di qualità che la renderà una fermata irrinunciabile per i milanesi, e per i molti turisti che stanno ricominciando ad affollare la città.

Il progetto di Corso Vercelli Village è a cura dell’architetto Joseph Di Pasquale, il quale ha avuto la visione di creare un villaggio urbano di prossimità. Secondo l’architetto comasco, il progetto intende “esemplificare l’esperienza urbana e abitativa di un contesto al quale sia stato applicato l’approccio alla viabilità dei nuclei abitativi di prossimità”.

La zona dello shopping, una volta ultimata, si svilupperà tra piazza Wagner e piazzale Baracca, lungo via Belfiore, Corso Vercelli, via Cimarosa e via Pallavicino. Tutte le strade diventeranno pedonali e alberate, per garantire la massima vivibilità e dare la sensazione di villaggio urbano di prossimità.

Corso Buenos Aires 59

Precedentemente noto come Corti di Baires, il Corso Buenos Aires 59 sorge al centro della riqualificazione di Corso Buenos Aires. Questo lungo viale può vantare il titolo di strada dello shopping più lunga d’Europa. Spesso infatti viene paragonata agli Champs-Elysees di Parigi, o ad Oxford Street di Londra, poichè lungo il suo percorso ci sono ben 300 marchi internazionali.

Con oltre 7000 persone che ogni ora passano lungo i suoi marciapiedi, Corso Buenos Aires è stato arricchito da un enorme complesso di oltre 8000 metri quadrati, con una posizione angolare strategica aperto giusto in tempo per le festività natalizie del 2021.

Il progetto Corso Buenos Aires 59 è misto residenziale-commerciale, ed è stato creato per mano della società Mark Capital Management, la quale ha individuato l’angolo Corso Buenos Aires-Via Petrella per creare uno spazio unico, che unisce vivibilità e un’ampia visibilità commerciale.

Secondo Peter Evans, il senior vice president di Mark Capital, “Ba59 nasce per dare una nuova linfa a Corso Buenos Aires, via principale per il commercio milanese”. Secondo lui, tutto è nato poichè una delle vie dello shopping più importanti di Milano mancava di spazi commerciali ampi e versatili.

Voilà. Ancora una volta, un pezzo di Milano si trasforma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati